Corso biennale di specializzazione in Musicoterapia

Immagine senza titolo
Sabato, 07 Aprile 2018 ore 18:30
Auditorium del parco. L'Aquila

Pianto antico: Stabat Mater di Pergolesi e altre pagine celebri in ricordo della notte del 6 aprile 2009.

Ore 18.30 Auditorium del Parco.

Concerto organizzato insieme al Comune nell’ambito delle celebrazioni per il IX anniversario del terremoto.

Musiche di Pergolesi, Mozart, Bizet e Schubert. Orchestra degli studenti del Conservatorio 'Casella' dell'Aquila, studentesse di canto del Conservatorio.

Voce recitante: Leonardo Chiaravalle.

Maestri preparatori: Prof.ssa Mariangela Di Giamberardino (voci), M° Massimiliano Caporale (BC)

Direttore Aurelio Canonici.

PROGRAMMA

G.B. PERGOLESI: Stabat Mater

  • Stabat Mater dolorosa (Cristiana Tabacco, Lisa Brandolini)
  • Cuius animam gementem (Cecilia Taliano Grasso)
  • O quam tristis et afflicta (Francesca Romana Giubilei, Giorgia Rastelli)
  • Quae moerebat et dolebat ( Lisa Brandolini )
  • Quis est Homo qui non fleret (Cecilia Taliano Grasso, Lisa Brandolini)
  • Vidit suum dulcem natum (Francesca Curini)

Riccardo Bricchi, Violoncello; Federico Del Principio, Organo

W. A. MOZART: Andantino dal Concerto per flauto e arpa in do maggiore K 299

Orchestra del Conservatorio “Casella” solisti: Maria Palma, Arpa; Luca Giordano, Flauto

G.B. PERGOLESI: Stabat Mater

  • Eja mater fons amoris (Cristiana Tabacco)
  • Fac, ut ardeat cor meum (Tutti)
  • Sancta Mater, istud agas (Francesca Curini, Cristiana Tabacco)
  • Fac ut portem Christi mortem (Lisa Brandolini)
  • Inflammatus et accensus (Francesca Curini, Serena Veccari)

Riccardo Bricchi, Violoncello; Federico Del Principio, Organo

BIZET: Adagietto dalla Suite n. 1 della “Arlesienne”

Orchestra del Conservatorio “Casella”

G.B. PERGOLESI: Stabat Mater

  • Quando corpus morietur (Francesca Romana Giubilei, Giorgia Rastelli)

Riccardo Bricchi, Violoncello; Federico Del Principio, Organo

F. SCHUBERT: Andante con moto dalla Sinfonia n. 9 in do maggiore D 944 (La Grande)

Orchestra del Conservatorio “Casella”

Testi tatti da: "E lieve sia la terra" (AA.VV. a cura di Luca d'Ascanio, ediz. Textus) scelti da Tiziana Colaianni Pezzopane.

Il pianto antico e dolente della Madre di tutti gli Uomini sotto il Sacro Legno della Croce a cui la stoltezza di altri uomini ha inchiodato suo figlio, messaggio di speranza in un disegno superiore di Redenzione per i credenti. Il pianto presente della Madre L’Aquila per questa moderna crocefissione, per un destino imponderabile ma anche per la stoltezza di noi uomini, si affiancano in questo omaggio che il nostro Conservatorio vuole oggi tributare, sinceramente e incondizionatamente, a quanti ci hanno lasciato in quella notte del 6 aprile 2009.