Home » Il Conservatorio » Biblioteca » Apertura al pubblico
Errore
  • JFolder: :delete: Non è stato possibile eliminare cartella. Percorso: /web/htdocs/www.consaq.it/home/cache/_system
  • JFolder: :folder: Il percorso non è una cartella. Percorso: /web/htdocs/www.consaq.it/home/cache/com_content
  • JFolder: :delete: Non è stato possibile eliminare cartella. Percorso: /web/htdocs/www.consaq.it/home/cache/com_content
  • JFolder: :delete: Non è stato possibile eliminare cartella. Percorso: /web/htdocs/www.consaq.it/home/cache/com_languages
  • JFolder: :delete: Non è stato possibile eliminare cartella. Percorso: /web/htdocs/www.consaq.it/home/cache/com_plugins
  • Fallita eliminazione index.html
  • Fallita eliminazione 7245c6ed5a14a3dcbf7a3a18ffcd681f-cache-mod_cck_breadcrumbs-08a6558faf71f376d8cde83c4fb690a3.php
  • Fallita eliminazione 7245c6ed5a14a3dcbf7a3a18ffcd681f-cache-page-dc9ca0396ce5e187692197c0b1e61257.php

Ricordo di Fausto Razzi

FaustoRazzi_da_MUSIC@_n27_mar-apr2012
Sabato, 19 Novembre 2022 ore 9:50

Sabato scorso, 19 Novembre, è scomparso il M° Fausto Razzi all’età di 90 anni. Compositore di grande originalità musicale e di esemplare rigore intellettuale, allievo di Goffredo Petrassi, fu il primo docente di Composizione del Conservatorio A. Casella di L’Aquila, di cui era stato tra i fondatori (1967). Molto presente nei due decenni successivi nella vita musicale di L’Aquila, il M° Razzi portò l’impegno umano e civile della sua personalità sia nella libera sperimentazione musicale sia nella pratica della musica rinascimentale e barocca (Gruppo Recitar Cantando), operando inoltre da protagonista nell’organizzazione di attività seminariali e concertistiche. Tutta la sua opera vive di una profonda concentrazione sulle dinamiche interne del suono e del gesto strumentale, talvolta con uso di micro-intervalli musicali e inusuali sistemi di intonazione. Nel rigore di una ricerca estetica appartata rispetto alle tendenze più celebrate della modernità musicale, il M° Razzi ha collaborato con Edoardo Sanguineti e altri importanti voci della letteratura italiana contemporanea, con significativi esiti di teatro musicale sperimentale, e va annoverato fra i pionieri della composizione mediante computer con collaborazioni importanti all’Università di Napoli (fine anni 1970) e al Centro di Sonologia Computazionale dell’Università di Padova (anni 1980).

Agostino Di Scipio